Design for Food: I vincitori del Compasso d’Oro

21 marzo 2017 / di Annalisa Barbera Fortuna

Da sempre tra cibo e design esiste una relazione molto stretta. Diversi sono i temi legati al food: dalla conservazione alla preparazione dei cibi, dalla loro cottura, fino al confezionamento. Si progettano elettrodomestici sempre più tecnologici, utensili manuali più comodi e fruibili, cucine e servizi bar componibili e modulari, fino ad arrivare allo studio degli stessi prodotti alimentari.

In occasione di Expo Milano 2015, il Primo Premio Compasso d’Oro Internazionale ADI – Associazione per il Disegno Industriale – è stato dedicato al tema “Design for Food and Nutrition: il design come strumento d’innovazione e di sviluppo sostenibile (in senso economico, sociale, ambientale e culturale) della produzione alimentare e dei sistemi di comunicazione visiva, di distribuzione e di consumo del cibo”.

Canna di fucile 2011 – Designer: Michele Cuomo. Produttore: Pastificio F.lli Setaro

Il progetto vincitore è Canna di Fucile 2011, una nuova trafila per la produzione della pasta, che, come ricorda il nome e come spiegano i progettisti, “affronta e supera il limite tecnico di produzione, ritenuto da molti addetti al lavori invalicabile, realizzando per la prima volta un profilo cavo con rotazione elicoidale delle rigature interne. Dalla dimensione minima del diametro, sono state elaborate le lunghezze dei vari formati con l’impiego della sezione aurea. Il prodotto si differenzia dalle altre forme consolidate, con rigature esterne ottenute per sottrazione dello spessore principale, per l’incremento della sezione con spessore aggiunto. Il risultato è di un notevole incremento di assorbimento dei condimenti.”

Canna di fucile 2011 – Designer: Michele Cuomo. Produttore: Pastificio F.lli Setaro

L’ADI Compasso d’Oro International Award per la categoria “Design dei processi di trasformazione” è poi andato ex aequo a due prodotti.

Shy – Designer: Paolo Metaldi. Produttore: Viceversa

La mezzaluna, un utensile da cucina “di uso quotidiano così semplice da apparire immodificabile” – come scrive la giuria ADI – diventa Shy, un oggetto dai manici snodati che può essere utilizzato anche con una sola mano. E’ versatile, salvaspazio e facile da riporre: i manici svolgono anche funzione di coprilama.

Shy – Designer: Paolo Metaldi. Produttore: Viceversa

LG Double Door-in-Door Refrigerator modifica il concetto di frigorifero, inserendo un doppio sportello Door-in-Door: gli alimenti vengono riposto in base alla necessità e alla frequenza di utilizzo. Oltre a offrire una soluzione di grande praticità, “riduce contestualmente il consumo energetico e l’impatto ambientale”, spiega la giuria ADI.

LG Double Door-in-Door Refrigerator – Designer e produttore: LG Electronics

Food for design: un tema per chi, come noi, ama il design…e la buona cucina !!!